Il condono

ha delle ragioni:

deflazionare il contenzioso

 

e realizzare introiti in tempi rapidi. Cosi si è espresso il Procuratore Generale della Corte dei Conti, aggiungendo che: “il gettito dei condoni passato non è stato interamente effettuato e quindi il condono si è trasformato in una sanatoria generalizzate, con l’evasione che invece di essere perseguita viene tollerata”. Condividiamo in pieno tali affermazioni e auspichiamo che tutte le forze politiche, che predicano bene e razzolano male, facciano autocritica per quanto fatto sin d’ora e diano il bene stare a tele operazione finanziaria, evitando dichiarazioni ipocrite e strumentali come quelle fatte dalla Lega Nord.