A quanto pare

Natalino Ventrella

potrà visionare la cartografia del Pug,

 

richiesta all’amministrazione comunale a più riprese, senza pagare i costi delle fotocopie (circa 350 euro). Come gli ha suggerito il sindaco potrà farlo gratuitamente rivolgendosi ai consiglieri comunali che sono stati suoi compagni di lista, i quali proprio in queste ore ne dovrebbero entrare in possesso. “La cartografia è un documento pubblico che tutti i cittadini dovrebbero liberamente poter visionare”, è la pronta risposta dell’ex consigliere comunale. “Non capisco perché l’amministrazione non la renda disponibile sul sito internet del comune. Io non chiedevo necessariamente la versione cartacea. A quanto pare il sindaco su questo argomento non mi sembra molto ferrato. A qualcuno sfugge una cosa importante, e cioè che dal momento in cui scattano le norme di salvaguardia, e ciò è avvenuto in seguito all’adozione del luglio 2011, ogni cittadino e ogni impresa avrebbe dovuto trovare l’incartamento presso l’ufficio relazioni con il pubblico. Differentemente da quanto accadeva con il PdF, con il Pug i cittadini non si devono più prostrare presso l’ufficio tecnico”. Nei giorni scorsi comunque Ventrella è stato ricevuto dall’ing. Di Bonaventuta che gli ha mostrato la tavola n. 1 (quella generale che pubblichiamo a lato) del piano urbanistico, come ridisegnata al’indomani delle osservazioni. “Dalla cartografia che ho esaminato non ho riscontrato anomalie. A questo punto bisogna salvare il salvabile ed approvare il Pug evitando che decada, la qualcosa rimetterebbe in campo il vecchio PdF”. Quali errori, o “dimenticanze”, andranno comunque eliminati? “Relativamente alle zone F, l’arch. Campanella ha individuato 3 macro aree da destinare a servizi senza però quantificarne gli standard. Questo è un aspetto che andrà sicuramente risolto”.