Attesa per metà aprile la pubblicazione del nuovo bando UE che finanzia progetti nel campo delle bioindustrie. In base alle prime anticipazioni la call potrà contare su un budget di 87 milioni di euro per iniziative di ricerca e innovazione.

La call è promossa dal partenariato pubblico-privato Bio-based Industries Joint Undertaking (BBI JU), a sostegno delle innovazioni tecnologiche che promuovono una conversione efficiente e sostenibile della biomassa in prodotti industriali e carburanti/energia all’interno delle cosiddette bio-raffinerie.

L’iniziativa ha a disposizione per il periodo 2014-2020 un budget complessivo di oltre 3,7 miliardi di euro, di cui 975 milioni di euro stanziati dall’UE tramite Horizon 2020 e 2,73 miliardi di euro provenienti dal settore industriale.

Anticipazioni sul bando BBI JU 2020

La call BBI JU 2020 sarà articolata in 15 topic suddivisi tra 4 linee strategiche:

  • materie prime
  • processi
  • prodotti
  • diffusione sul mercato

Il bando finanzierà diverse tipologie di progetti: Azioni di ricerca e innovazione (RIA), Azioni di coordinamento e supporto (CSA), Azioni di dimostrazione (DEMO) e Azioni ’flagship’ (FLAG).

Le proposte progettuali potranno essere presentate da soggetti giuridici che hanno sede negli Stati membri o nei paesi associati al programma Horizon 2020.

Le domande potranno essere presentate dal 15 aprile 2020 alle ore 17.00 CET del 3 settembre 2020.