Da dicembre scatta il bonus per l’acquisto di decoder e smart tv in grado di supportare la tecnologia DVBT2. Ecco chi può richiederlo. 

In attesa del decreto interministeriale di MISE e MEF che ne consentirà l'erogazione, ecco cosa sappiamo del bonus tv, pensato per favorire il passaggio definitivo allo standard DVBT-2, superiore a quello attuale, che dovrebbe essere completo nel 2022.

La legge di Bilancio 2019, infatti, manda in soffitta il digitale terrestre dal 1 luglio 2022, e per aprire la strada alla nuova tecnologia mette a disposizione ci sono 151 milioni di euro. 

Ma in base a quanto annunciato dal Ministero dello Sviluppo economico, le risorse a disposizione dovrebbero aumentare per allargare la platea di coloro che possono richiedere lo sconto. 

Bonus tv: cos’è, come funziona

Si tratta di un buono sconto utilizzabile per comprare un nuovo televisore o un decoder conforme a quello che diventerà, nel 2022, lo standard unico, il DVBT-2.

Possono accedere all’incentivo i cittadini con reddito ISEE di I e II fascia, non superiore a 10.632,94 e 21.265,87 euro all'anno.

Il bonus, da 50 euro, è destinato ad un solo componente per nucleo familiare e consiste in uno sconto praticato dai rivenditori accreditati all’atto dell’acquisto sul relativo prezzo di vendita degli apparecchi (decoder e smart tv). 

Il contributo si potrà applicare solo su un apparecchio e secondo il principio di neutralità tecnologica e scatterà a partire da dicembre.