"Non è ancora la soluzione definitiva ma sicuramente è una svolta, un significativo passo avanti": lo ha detto all'ANSA il premier Giuseppe Conte, a margine dell'assemblea generale dell'Onu, commentando l'accordo raggiunto a Malta da alcuni Paesi europei. "Sono stati affermati sicuramente dei principi che sono positivi per noi, perché sino ad oggi si stentava a tradurre il principio che chi arriva in Italia arrivava in Europa", ha spiegato il capo del governo, ricordando il nuovo "meccanismo automatico di redistribuzione che abbraccia i richiedenti asilo, quindi tutti". "In più si comincia ad affermare il principio che non può essere solo l'Italia il primo approdo, ma che ci deve essere una rotazione", ha proseguito. "Ora - ha aggiunto - bisogna vedere quanti Paesi parteciperanno a questo meccanismo e dovremo lavorare sui rimpatri".
   

Quindi, rivolgendosi all'ex ministro dell'Interno in un'intervista a SkyTg24, ha affermato : "Salvini non deve avere gelosia e invidia. Abbiamo raggiunto e compiuto un passo avanti storico, che non era mai successo prima, se si difende l'interesse italiano bisogna guardare al risultato, non bisogna guardare a chi lo ottiene o a chi non lo ottiene"