"Questo pomeriggio per due volte consecutive è saltata la seduta della prima commissione del Senato per la mancanza del numero legale richiesto. Da adesso i signori della maggioranza di Palazzo impareranno cosa significa avere un movimento come la Lega che fa opposizione! Glielo avevo premesso. E questo è solo l'inizio! Per ora. Lega-maggioranza 1-0". Lo afferma Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato.

Dopo che in commissione Affari costituzionali del Senato per due volte è mancato il numero legale facendo saltare la seduta,  Calderoli chiede la verifica anche all'inizio dei lavori in Aula. Passano alcuni minuti di trambusto perché le schede sembrano non funzionare. Dopo la costituzione del nuovo gruppo Italia Viva-Psi, spiega la presidente Maria Elisabetta Casellati, si registra qualche problema, il sistema sembra bloccato. In Aula tanti assenti, ma mentre si cerca di risolvere il problema tecnico i banchi si popolano. Una volta verificato il numero legale, inizia l'esame del decreto che contiene misure urgenti per assicurare la continuità delle funzioni del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali.

"La Lega blocca le commissioni e dice che è solo l'inizio? - interviene il nuovo capogruppo di Italia Viva Davide Faraone - È solo l'inizio e basta. Noi siamo in una fase di transizione, ci sono i nuovi gruppi e ci dobbiamo organizzare. Sono ottimista sul fatto che si possano mantenere i numeri sia nelle commissioni che in Aula, nonostante siano sul filo e nonostante la Lega abbia deciso di mantenere le poltrone dei presidenti di commissione e utilizzarle contro la maggioranza e contro la democrazia". 

La presidente del Senato ha convocato la Conferenza dei Capigruppo al termine della seduta dell'Aula

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA