MILANO - L'Italia è al palo. Anzi, il secondo trimestre dell'anno è andato leggermente peggio di quel che ci si aspettava dalle stime preliminari, se confrontato con lo stesso periodo del 2018. L'aggiornamento dell'Istat sui conti trimestrali dice infatti che "prosegue ormai da cinque trimestri la fase di stagnazione, che caratterizza l'economia italiana a partire dal secondo trimestre del 2018".

I numeri: il Pil italiano nel secondo trimestre del 2019 è rimasto invariato rispetto ai tre mesi precedenti ed è diminuito dello 0,1% su base annua. Confermata la crescita zero in termini congiunturali, mentre è stato rivisto al ribasso il dato tendenziale: nelle stime diffuse a fine luglio la variazione risultava nulla.

La crescita del Pil acquisita per il 2019, ovvero quella che si otterrebbe se i restanti trimestri dell'anno si chiudessero con una variazione nulla, è a questo punto "pari a zero".

Il quadro complessivo è mosso da forze diverse: consumi fermi, in rallentamento, e investimenti che tirano il carretto. L'Istat infatti registra una variazione nulla dei consumi finali nazionali e una crescita dell'1,9% degli investimenti fissi lordi. Le esportazioni sono cresciute invece dell'1% e le importazioni dell'1,1%. Commenta su questi dati l'Istituto: "Dal lato della domanda interna, il contributo positivo degli investimenti è compensato da un nuovo apporto negativo delle scorte, mentre i consumi forniscono una spinta nulla. Sul versante estero importazioni ed esportazioni registrano tassi di incremento molto simili, con un contributo anch’esso nullo".


Se si guarda ai comparti, sempre nel secondo trimestre l'Istat registra andamenti congiunturali negativi per il valore aggiunto dell'agricoltura e dell'industria, con diminuzioni, rispettivamente, dell'1,2% e dello 0,4%, mentre il valore aggiunto dei servizi è cresciuto dello 0,1%.

"Alla stagnazione dell'attività ha corrisposto una battuta d'arresto della dinamica congiunturale dell'input di lavoro: le ore lavorate sono diminuite dello 0,1%", dice ancora l'Istituto.