Stampa
Natalino Ventrella  

 

 

Ha approfittato del suo ruolo di parroco nella chiesa che la piccola frequentava e ha abusato sessualmente di una bambina di appena sette anni fino a farla vomitare, poi, in un crescendo di umiliazioni, l'ha costretta anche a ripulire tutto imponendole il silenzio. La sconvolgente vicenda arriva da Albuquerque, nello stato del New Mexico, dove ora il prete, l'81enne Sabine Griego già al centro di altri casi di abusi, è finito sotto processo. Gli abusi risalgono a circa trenta anni fa e cioè tra il 1990 e il 1991 quando il sacerdote esercitava presso la Chiesa Regina dei Cieli di Albuquerque. Secondo quanto ricostruito dall'accusa, la prima volta l'uomo ha attirato la bimba nella canonica della chiesa dicendo che voleva "fare un gioco speciale". Qui le ha fatto bere del vino e infine l'ha violentata.

Dopo aver capito che la piccola non lo denunciava per paura e vergogna, gli episodi si sarebbero moltiplicati andando avanti per quasi un anno. La vittima ha raccontato ai poliziotti che Griego la mandava a chiamare con una scusa per portarla in canonica dove avvenivano le violenze. Il prete avrebbe abusato di lei in vari stanze della chiesa, compresa una dove i preti erano soliti vestirsi prima della messa. Quando lei si ribellava, lui la picchiava anche violentemente con schiaffi calci tanto da mandarla in ospedale in una occasione. Lei ha sempre tenuto tutto nascosto fino ai tredici anni quando ha iniziato a farsi del male da sola allarmando la famiglia. Griego era stato già accusato di aver aggredito sessualmente più di 30 bambini durante il suo periodo di lavoro presso l'arcidiocesi. È implicato in otto casi avvenuti nello stesso periodo di quelli denunciati dalla ragazza e per cui è stato già condannato. Messo in congedo dal Vaticano, è stato sollevato dagli incarichi solo nel 2005.