“L’islam? Non è una religione di pace. I migranti non  sono una risorsa, tanto meno opportunità”: lo dichiara a La Fede Quotidiana Monsignor Ignazio Zambito, vescovo emerito di Patti  commentando il sanguinoso attentato di Barcellona.

Eccellenza, è un attacco al mondo occidentale?

“E’ un attacco all’Europa, all’Occidente e sicuramente alla cristianità. Bisogna prenderne atto e meditare anche sulla qualità della nostra  fede. Una volta, il mondo occidentale si identificava con i valori cristiani. Oggi il secolarismo, l’ edonismo e il relativismo contribuiscono allo smantellamento progressivo della  nostra identità,  e questo rafforza l’islam”.

Islam religione di pace?

“Niente affatto, non è una religione di pace e chi lo afferma mente o sbaglia. La verità è molto differente. Ovviamente, non possiamo e neppure dobbiamo  affermare che tutti i musulmani sono terroristi, ma è certo che tutti gli attentati sono compiuti nel nome dell’ islam. E’ una guerra di religione. Esistono anche i cristiani mascalzoni, perchè no, ma non ho visto in questo tempo assassini che  delinquono usando o gridando il nome di  Gesù. Inoltre, il Vangelo è un testo di misericordia, pace e perdono, ben differente da quello  che riporta il Corano”.

Tutto questo, inevitabilmente, ci porta al tema della immigrazione. Possiamo  accogliere tutti?

“No. Per  fortuna il cardinale Bassetti recentemente ha corretto con giustezza il tiro e certe posizioni  idelogiche presenti anche nella Chiesa. L’ accoglienza, che è carità, va fatta con saggezza e prudenza rispettando le leggi.  Insomma, sia ordinata e chi viene qui ha il dovere di adattarsi alle nostre disposizioni, alla cultura e alla tradizione. Trovo sconcertante,  per esempio, che dei  migranti, come avvenuto di recente a Napoli,possano circondare o minacciare le Forze dell’ Ordine senza conseguenze. Costoro erano legittimate a reagire per la loro difesa e quella dell’ ordine pubblico. Ma temo che   non  lo hanno fatto come sarebbe accaduto in un Paese normale, perchè se avessero alzato un dito,  ed era loro diritto, in galera sarebbero finiti i tutori della  legge e non gli aggressori”.

Secondo lei è chiara oggi la posizione della Chiesa sull’ islam?

” Dico solo che Benedetto XVI aveva palesato maggior  chiarezza e quella sua lezione di Ratisbona rappresenta una pietra miliare insuperata. Disse la verità”.

Migranti  risorsa  ed opportunità?

“Non sono risorse e tanto meno opportunità. Almeno in questo modo. Potrebbero diventarlo se davvero volessero integrarsi. Ma la maggior parte di loro rifiuta l’integrazione. Quante volte in modo arrogante, gettano il cibo che viene offerto dai volontari? O dicono che l’ Italia gli  fa schifo? Ho l’ impressione che di integrarsi non abbiano intenzione e allora di che risorse parliamo?”.

Esistono professionisti dell’ accoglienza anche nella Chiesa?

“La Chiesa è un corpo grande e ci sta di tutto. E’ possibile e non lo escludo che anche tra noi esitano i professionisti dell’ accoglienza che è molto redditizia e conveniente”.

Bruno Volpe