ll commissario delegato dal governo per l'emergenza Xylella, Giuseppe Silletti, è stato convocato in Commissione Agricoltura del Senato per rispondere alle domande dei parlamentari sul secondo piano di intervento che sta falcidiando gli ulivi in Puglia.
 
Le domande che non hanno ricevuto risposte esaurienti, sono state eluse o saltate. Silletti messo alle strette, ha affermato, senza troppa convinzione, che risponderà per iscritto alle domande residue.
 
Così, per incoraggiare il commissario a prendere al più presto in mano carta e penna, vogliamo fornirgli un promemoria:
 
Caro Silletti vuole convincerci, insieme al governo, che eradicare ulivi sani e inondare il territorio di pesticidi sia utile?
 
- Allora spiegateci perché 514 ulivi su 1126 si sono ammalati senza avere la Xylella.
 
- Dimostrateci che la Xylella è in grado di far ammalare gli ulivi, perché chi la indica come responsabile non è stato in grado di dimostrarlo con studi scientifici, anzi è emerso il contrario.
 
- Spiegateci perché la semplice presenza di un batterio in 612 ulivi su 26.755 è definibile "epidemia", senza che neanche si sia stati in grado di dimostrare il nesso di patogenicità.
 
- Mostrateci su quale lavoro scientifico c'è scritto che eradicare ulivi sani in un raggio di 100m da quelli con la xylella serve a risolvere il problema.
 
- Nella lotta alla Xylella riteniamo che la comunità scientifica non sia stata ascoltata abbastanza. Chiediamo quindi: fino a che punto sono state accertate in maniera scientifica le cause/concause della diffusione?
 
- Come mai non è stata istituit, come richiesto dal Consorzio Mediterrae in data 23 marzo 2015 al Pres. Consiglio Renzi
   una adeguata Commissione  Interministeriale a sostegno della "Problematica Xylella"?
 
- Come mai non è stata eseguita, come richiesto dal Consorzio Mediterrae in data 23 marzo 2015, una certificazione, con
 
   almeno due esperti cofirmatari, in cui si acclarava che la pianta era irrimediabilmente infetta e quindi da eradicare?
 
- Come mai non è stata eseguita, come richiesto dal Consorzio Mediterrae in data 23 marzo 2015, una specifica    
   localizzazione della pianta, completa di tutti i relativi dati fotografici, e di georeferenziazione prima del relativo
   abbattimento?
 
- Perché non si dà la possibilità ad altri laboratori di fare analisi, oltre a quelli collegati allo IAM?
 
- Chi ha nominato il Comitato Etico Scentifico?
 
- Come mai nel Comitato Etico Scientifico sono inseriti nominativi di scienziati internazionali che vengono
   sponsorizzati dalla Multinazionale MONSANTO?..... non le sembra che possono esserci relativi conflitti di interessi?
 
- Spiegateci come mai alcuni ulivi "ammalati" siano tornati a germogliare senza eradicazione né pesticidi.
 
- Dimostrateci che il pesticida prev-am, uno di quelli con cui si vuole inondare (in deroga) il Salento è certamente innocuo 
   per l'uomo, perché nel report EFSA questo non è scritto.
 
- È doveroso considerare che il Piano di interventi intrapreso possa naufragare. Alla luce di questo, quali e quanti sono gli effetti collaterali che potrebbero scaturire dal fallimento del Piano? Esiste un "Piano B"?
 
- La mattanza degli ulivi è un dramma che colpisce migliaia di agricoltori e sta diventando fonte di speculazione del e sul     territorio, oltre che sviluppare scambio di favori politico-affaristici. Non pensate che sarebbe opportuno evitare che             questi effetti si ripercuotano sui territori interessati?
 
LE DOMANDE INVIATE DA NOI:
1) e' stato fatto un censimento completo di Tutte piantagioni ulivi?
2) sappiamo quanti sono gli Alberi Ulivo complessivamente da abbattere?
3) chi ha ordinato la distruzione in vivaio di 300.000 piantine Ulivo
4) che certifica che un Ulivo e' da abbattere?
5)per ogni Ulivo da abbattere dovrete fare una relazione dettagliata corredata dalle Sue coordinate georeterenziali e precedere di piantumare una identica specie;
6) al fine favorite Monsanto Corp o similari Sara' fatto assoluto divieto di piantumare piante Ulivo Ogm e transgeniche;
7) perche' non avete preso in esame la proposta, di cui alla Conferenza Stampa di ieri 23 febb, sperimentale no profit del Consorzio Mediterrae? Al riguardo diffidiamo che vengano sviluppati protocolli Sperimentali orientati a favorire un solo noto GRUPPO di sperimentatori..
8) come Mai questo problema Xylella ha raggiunto queste dimensioni senza che qualcuno se me accorgesse? Dov'era la forestale e Le altre istituzioni in questi ultimi 3 anni?