1. Finalità:
Facilitare lo sviluppo delle attività economiche delle microimprese e delle piccole imprese.

2. Beneficiari:

  • Microimprese (meno di 10 occupati e fatturato annuo oppure totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro);
  • Piccole Imprese (meno di 50 occupati e fatturato annuo oppure totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro);
  • Medie Imprese (meno di 250 occupati e fatturato annuo non superiore a 40 milioni oppure totale di bilancio annuo non superiore a 27 milioni) con unità locali nella Regione Puglia.

3. Categorie:

  • Imprese artigiane;
  • Imprese che realizzano programmi nel settore commercio;
  • Imprese che realizzano programmi nel settore manifatturiero di cui alla sezione “C”, nel settore delle costruzioni di cui alla sezione “F” e nel settore dei servizi di comunicazione ed informazione di cui alla sezione “J”  ed alcuni servizi sanitari di cui alla sezione “Q” della Classificazione ATECO 2007.

4. Iniziative:
I programmi d’investimento con importo minimo di spesa ammissibile di 30.000 euro possono riguardare :

  • Realizzazione di nuove unità produttive;
  • Ampliamento di unità produttive esistenti;
  • Diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;
  • Cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttva esistente.

5. Agevolazioni:
Contributo in conto interessi a valere su un finanziamento erogato da un soggetto finanziatore, della durata di 5 anni per l’acquisto di macchinari, impianti, etc  e della durata  di 7 anni per creazione, ampliam. dell’immobile.  e,  contributo in c/impianti non superiore al 20% dell’investimento e dell’importo massimo di € 800.000,00 per le Medie Imprese e di € 400.000,00 per le Piccole Imprese.  

L’intensità d’aiuto, calcolata in base ai costi ammissibili del progetto, non potrà superare il 45% per le PI ed il 35% per le per le MI.

Le agevolazioni, indipendentemente dall’ammontare del progetto ammissibile, saranno calcolate su un importo finanziato massimo di 4.000.000,00 euro per le Medie imprese e di 2.000.000,00 di euro per le Piccole Imprese.

6. Investimenti Ammissibili:

1) Acquisto del suolo e sue sistemazioni nel limite del 10% del totale investimento;
2) Opere murarie ed assimilate;
3) Macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica e programmi informatici commisurati alle esigenze gestionali e produttive dell’impresa;
4) Spese di progettazione e direzione lavori nel limite del 5% delle spese relaticve alle opere murarie;
5) Investimenti finalizzati al miglioramento delle misure di prevenzione dei rischi, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
6) Nel caso di acquisto di immobile, sono ammissibili solo i costi di acquisto da terzi, purche’ la transazione sia avvenuta a condizioni di mercato.

7. Investimenti non Ammissibili:

1) Spese notarili e spese relative ad imposte e tasse;
2) Spese relative ad acuisto di scorte;
3) Spese relative ad acquisto di beni usati;
4) Titoli di spesa regolati in contanti;
5) Spese di pura sostituzione;
6) Spese di funzionamento in generale;
7) Spese in leasing;
8) Tutte le spese non capitalizzate;
9) Spese sostenute con commesse interne di lavorazione;
10) 
Titoli di spesa inferiori ad € 500,00;
11) Avviati prima della presentazione della domanda.

8. Richiesta di finanziamento:
A partire dal 22/01/2015 al soggetto finanziatore che procederà all’inoltro alla REGIONE PUGLIA.